Archivio per la categoria 'Dapuzz ne parla'

Affrettato e costretto

Sunday, February 14th, 2010

Nuovo acquisto: ST9250410ASG 250 Gb, 7200rpm con 16Mb di cache a 60 euri più spese di spedizione.

Sostituisce un non troppo egregio HTS541616J9SA00, Hitachi Travelstar 5K da 180Gb, 5400rpm e 8Mb di cache che mi ha piantato con ben 11534840 settori danneggiati.

Just for fun, ecco un paio di foto del misfatto:

Ed ora … a noi due!

Quello che hai detto è…

Thursday, June 12th, 2008

Taradàratadan… con effetto luci alla “chi vuol esser miliardario” con l’unica differenza che le domande non sono di cultura generale, di interesse nazionale. A “Il momento della verità” ci sono 21 selezionatissime domande, tra le 200 fatte durante i provini, scelte appositamente e ovviamente, per sputtanare il povero cristo di turno e, se possibile, provocare uno o più infarti all’ancor più povero cristo padre novantenne contadino invitato a sorridere in tv anche nell’attimo immediatamente prima di perdere i sensi.

Ma allora qual’è la differenza tra Jerry Scotti, Paola Perego e Alda D’Eusanio?

Ipocrisia, menzogna o cos’altro?

Saturday, May 3rd, 2008

Premesso come al solito che non riguarda me, non so come sono andate le cose, non ero io e non posso nè essere oggettivo nè tanto meno sono fatti miei, ma neanche sono sicuro di quello che dico. Però.

Da uno del 1974, ovvero un trentenne nel 2004, ovvero da un ultratrentenne,
da uno che ha a che fare con ragazzi giovanissimi e menogiovani praticamente tutto il giorno tutti i giorni,
da un trascinatore, organizzatore, istruttore
da una persona che Gode già di una qual certa Posizione privilegiata

fare quello che mi è stato detto abbia fatto, dopo aver detto quello che credo di aver letto abbia detto, beh, qui due sono le cose.
O si tratta di ipocrisia pura, o si tratta di stronzaggine infima e della peggior specie, o si tratta di un pazzo fumato, o sto tipo non ha capito un cazzo, o ha veramente capito tutto e noi stiamo ancora qui a farci ste domande.
Ci sarà un momento di non-fretta per ri-parlarne?

PP: Pura Pornografia

Friday, April 11th, 2008

L’intervista barbarica a Simona Ventura. Sicuramente tra un po’ ci sarà anche il video sia su youtube, sia sul sito delle invasioni barbariche.
Leggi il resto dell’articolo

Solo 2 minuti

Wednesday, January 23rd, 2008

Purtroppo ho avuto la brutta idea di sintonizzarmi su Rai1 stasera e beccare la prima del programma di Fiorello e Baldini: VivaRadio2minuti.
2 minuti? Ok, giusto il tempo quindi che si cuociono i cappelletti al crudo. Calo? Calo.


Se… mbè?
Sto cronometro non parte?


ok,
il finale? S’è ammollato tutto.

E me lo chiamate Miss Italia?

Monday, September 24th, 2007

Mai visto Mike così in soggezione. Non dice una parola che non sia scritta, e quando lo fa è di sicuro una mezza gaf(fe).
Mai vista presentatrice meno presentatrice di Loretta, che per quanto si impegni continua ad essere elettrica ed impacciata. Una camomilla no, eh?
Pippo che cerca di sostenere la scena senza che nessuno gli dia un po’ di spazio. Un tipo strano con il metro che non fa altro che accendere il tono.

Il clima è diventato da sfida di maria de filippi. Fischi, insulti e contestazioni. Peggio che popolare. Bah.
E questo me lo chiamate Miss Italia?!?
Io Miss Coccio, vado a dormire.

Visco: un caso Speciale

Tuesday, June 5th, 2007

Purtroppo il mio commento non può essere diverso.
Russo Spena a Porta a porta, Rutelli a Ballarò, Piero Sansonetti e Massimo Brutti dei Ds ieri sera da Mentana a Matrix.
Quattro facce da culo. Chi più e chi meno, ma sempre facce da culo.

Se le uniche argomentazione della sinistra sono solo illazioni e offese, non si può rispondere altrimenti.
Il caso speciale (ma che gioco di parole) a mio punto di vista non presenta nessun lato oscuro, e non c’è nessun mistero.
Visco
Il viceministro Visco ha cercato di usare la finanza come se fosse roba sua, insistendo verbalmente, e persino minacciando il generale Speciale affinchè fossero stati eseguiti i suoi ordini (documenti e testimonianze manent).
Visco ha agito al di fuori dei suoi compiti, ed è un caso istituzionale gravissimo.
E senza considerare che casostrano i quattro da trasferire hanno svolto un qualche ruolo nella vicenda Unipol e che aveva visto la fuga delle intercettazioni Fassino-Consorte (non la moglie, Consorte con la C grande).

Cosa rispondono gli altri? I quattro ufficiali sono ancora lì, quindi il caso non si pone, e poi si sà che Visco non vi è simpatico, perchè è l’uomo che combatte l’evasione, e alla vostra lobby filo-berlusconiana non piace pagare le tasse… E poi si lamentano di uno sciopero fiscale? Intanto oggi ho dovuto mettere 43€ di benzina (a peso d’oro).

Vabbè, domani al Senato andrà come andrà. L’emergenza democratica è sotto gli occhi di tutti, ma tanto ormai chi doveva sapere ha saputo, e chi non vuole sentire o c’ha le mani in pasta, o pensa che il proprio orgoglio comunista sia più importante della libertà del paese.

La previsione del Tempo (reloaded)

Wednesday, February 21st, 2007

Ma che battuta azzeccata e simpatica quella di Paolo di Mizio oggi alle 1:40 durante la rassegna stampa del Tg5 che seguo tutte le notti e con lui anche Paolo Graldi, editorialista del Messaggero e del Mattino di Napoli che condivideva appieno l’intuizione del Tempo.
Titolo di apertura, a caratteri cubitali “Non cadranno a Kabul“, [...]nessuno si sogna di aprire una crisi[...] Su cosa si basavano queste dichiarazioni? Sulle rassicurazioni di Prodi che ridendo rispondeva “nooooo” alle domande di preoccupazione dei giornalisti? E adesso? Una situazione pasticciata all’italiana o finalmente una presa di coscienza dell’elettorato di sinistra?
Non cadranno a KabulCorrezione del Tempo
Update:
Questa immagine mi sembra di averla già vista… Ah! ecco! Il titolone è cambiato in “Sono caduti a Kabul“. Così come è avvenuto anche per altri quotidiani di oggi, l’editoriale è del direttore Gaetano Pedullà che giustifica l’intuizione del suo giornale

IERI, titolando «Non cadranno a Kabul», avevamo dato per buono l’impegno della maggioranza a non ripropinarci un film già visto: un governo Prodi che cade sulla politica estera. E che diamine! Errare umanun est, perseverare…

L’approfondimento è disponibile in versione integrale sul sito ufficiale de “il Tempo”

VideoShock a Monteroni

Tuesday, February 20th, 2007

Il video confesso di averlo visto in versione integrale su Youtube prima che venisse data la notizia in tv. La prima reazione (e non solo mia) è stata di stupore: chi avrebbe mai immaginato che quella splendida ragazza fosse un insegnante sulla quarantina? All’inizio c’abbiamo riso su, non c’è tanto altro da fare, anzi personalmente, alle medie, ho fatto ben di peggio che ‘accarezzare’ la bassa schiena di una signorina procace… e non solo durante le ore di supplenza, ma diciamo sempre e comunqe quasi settimanalmente…
Già all’arena di Giletti si era espressa la Parietti :shock: Meluzzi che vuole il grembiule, Klaus Davi che sa fare solo domande faziose e finte moraliste… Si è concluso che occorre vietare i telefonini a scuola proprio per :? evitare che queste notizie escano :?
Anche oggi in tv all’Italia sul Due si è parlato ancora della professoressa in perizoma e di alunni arrapati e indisciplinati.
C’è chi dà la colpa agli studenti, chi all’insegnante, ma soprattutto tanti e tanti danno la colpa ai genitori, alla società e alla televisione che propone modelli sbagliati (tipo Anna Oxa in perizoma a sanremo o il bacio saffico tra Madonna e Britney Spears)
Ne parlano sempre persone diverse, ma dicendo sempre le stesse cose. Possibile che tra fior fiori di giornalisti, psicologi, politici ed esperti di ogni genere, nessuno c’abbia visto giusto? Possibile che non sia venuto in mente a nessuno di far parlare un ragazzo che ha da poco finito la scuola e che può raccontare a “memoria fresca” cosa succede davvero in aula, e quali siano i veri problemi della scuola? Leggi il resto dell’articolo

Cvd: Il finto stop al calcio

Thursday, February 8th, 2007

…continuando a parlare di calcio
Come volevasi dimostrare, lo stop al calcio è durato meno del previsto, forse per molti, ma non per me.
Facciamo un piccolo riassunto e vengo subito al dunque:
Alcuni stadi non ‘a norma’ (parola un po’ abusata, riscrivo). Alcuni stadi senza telecamere a circuito chiuso, senza tornelli per l’ingresso, e senza un servizio d’ordine (un addetto ogni 250 tifosi o_O) gestito dalle società, non potranno essere aperti ai tifosi.
Quali sono state le reazioni delle società? “No, non mi va bene, mi fate perdere soldi”
Quali quelle dei giocatori? “No, senza pubblico non ci prude il mazzo e non corriamo, siamo svantaggiati, quindi sciopero
Leggi il resto dell’articolo